C’è un solo padrone degli 800 metri, ai Campionati italiani assoluti indoor di Ancona. Davanti al pubblico di casa si conferma Simone Barontini, per la terza volta consecutiva, con una gara spettacolare. Il ventenne della Sef Stamura è protagonista di un assolo irresistibile, al comando dall’inizio alla fine, spinto dal gran tifo del pubblico. Non solo riesce a dominare gli avversari, ma realizza anche un crono notevole in 1’48”62 e migliora nettamente il suo record regionale al coperto, che era di 1’49”40 nel 2017. Un clamoroso successo per distacco, per far esplodere di entusiasmo tutta la tribuna del Palaindoor e lasciare i meno lontani degli altri a quasi due secondi: Gabriele Aquaro (1’50”49) e Abdessalam Machmach (1’50”50).
“Contava vincere - esclama Barontini - e provare a correre forte. Ho fatto il personale indoor e sono contentissimo! Questa gara la sento quasi come se fosse un’Olimpiade, con la tensione già nelle settimane precedenti, e sapevo di stare bene. Sono partito forte davanti, convinto e deciso. Una scelta del mio allenatore Fabrizio Dubbini che ha pagato, ho solo messo in pratica i suoi consigli. Ogni anno il tifo cresce, era pazzesco e quando mi hanno presentato in pista mi sono sentito quasi come Gimbo. Ho seguito la sua gara di venerdì, sapevo che non potevo essere da meno. Mi hanno dato una carica incredibile e grazie a loro ho fatto qualcosa di grande”.

Per la cronaca Barontini con il tempo realizzato ha ottenuto il pass per i prossimi campionati europei indoor di Glasgow, secondo anconetano dopo Gianmarco Tamberi presente in questa rassegna continentale.